Se si tracciasse un ipotetico triangolo tra Firenze, Pisa e Siena, il suo centro andrebbe a cadere esattamente sul ristorante La Canonica; ortocentro ideale dove poter gustare al meglio tutto il sapore della Toscana.

Se cercate un ristorante a Poggibonsi dove potervi sentire letteralmente al centro della tradizione enogastronomica toscana, e dunque nel pieno dell’eccellenza italiana, il ristorante La Canonica è il luogo ideale per incontrarsi con amici lontani e vicini.

Mangiar bene e bere ancor meglio: il cuore della Toscana

Se siete alla ricerca di un ristorante a Poggibonsi avete allora diverse possibilità: scendere verso Siena o risalire verso Firenze. La Valdelsa è da sempre il crocevia che congiunge le due maggiori tradizioni enogastronomiche della Toscana; quella fiorentina e quella senese.

Le tavole delle osterie medievali e rinascimentali hanno qui fondato a dato l’avvio a quella che è poi divenuta la cultura enogastronomica italiana, con prodotti di altissima qualità, dagli arrosti ai bolliti, ai formaggi, al vino.

La Canonica: la tavola di incontro ideale per assaporare il gusto della Toscana

Da Poggibonsi allora conviene risalire in direzione Castelfiorentino, lungo il fiume Elsa, e raggiungere dopo appena dodici chilometri il comune di Certaldo, ovvero il centro geografico tra Pisa, Firenze e Siena.

È qui che sorge il ristorante La Canonica, in un paesaggio idilliaco che coniuga anche visivamente la collina senese con la campagna fiorentina.

Il suo posto non è soltanto strategico per chi intende cercare un ottimo ristorante da Poggibonsi, ma soprattutto fornisce la vicinanza necessaria per poter essere in contatto diretto con gli allevatori e i produttori della Valdelsa.

Un itinerario enogastronomico, quello proposto dai menù del ristorante La Canonica, che consente di arrivare direttamente al cuore della cucina Toscana; menù che si rinnovano ad ogni stagione, in modo da offrire prodotti di stagione appena colti, curando in tal modo la tradizione del patrimonio gastronomico toscano nel rispetto dei ritmi produttivi del territorio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *