La bellezza del panorama che si estende dalla terrazza del ristorante La Canonica offre il contesto ideale per lasciarsi rapire dall’intensità di un vino che riesce a restituire tutto il gusto della campagna Toscana; il Chianti di Villa Poggio a Varna.

Pur nella grande varietà dei vini toscani, il Chianti di Villa Poggio a Varna conserva più di altri una forte identità territoriale, apparendo schietto e sincero proprio come lo sanno essere i toscani più veri.

La scelta compiuta dai viticoltori sui 40 ettari di vite è stata all’insegna della conservazione dell’antica tradizione dei vini toscani, mantenendo un blend dotato di forte autenticità che mantiene le qualità naturali del Chianti.

Sono molti i riconoscimenti già raggiunti dal Chianti di Villa Poggio della cantina Fattorie Bianchi; oltre alla menzione nella selezione di vini toscani, figurano anche due importanti riconoscimenti all’Asian Wine Awards.

Rosso di Villa Poggio a Varna: tutta l’essenza di un Chianti…

Di colore rosso rubino intenso, con velature violacee e da un sapore fruttato (prugna e ciliegia) che si sposano con note più speziate di tabacco e sottobosco, il Chianti di Villa Poggio a Varna si distingue per la sua grande versatilità nell’abbinamento a tavola, lasciandosi apprezzare nella degustazione, magari da una terrazza con affaccio sulle colline toscane come quella de il ristorante La Canonica, accompagnato dai piatti della tradizione toscana.

Un vino che rispecchia profondamente l’essenza del Chianti, adatto ad esprimersi con un’ottima beva, perfetto per accompagnare qualsiasi portata della cucina tradizionale toscana (ma non solo), e ideale come vino d’occasione, elevando al massimo grado le sue migliori qualità nelle produzioni d’eccellenza.

Sarà per questo che in un territorio relativamente piccolo, o comunque non certo esteso come quello di altri rinomati vitigni internazionali, quello del Chianti non smette di produrre cantine di straordinaria eccellenza, apprezzate e invidiateci in tutto il mondo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *